News

Lakhta Center di San Pietroburgo

Il prestigioso premio Emporis Skyscraper Award, tra i più importanti riconoscimenti al mondo per l’architettura di grattacieli, va al Lakhta Center di San Pietroburgo

Per la prima volta in 20 anni l’Emporis Skyscraper Award, prestigioso riconoscimento per i grattacieli, va a un progetto russo: ha infatti vinto il Lakhta Center di San Pietroburgo, sede degli uffici del colosso russo dell’energia Gazprom, produttore di gas naturale. L’edificio alto 462 metri, progettato da Gorproject e RMJM, non è solo l’immobile più alto della Russia, ma è anche il più alto d’Europa e il quattordicesimo edificio più alto del mondo.

La giuria internazionale, che ha scelto il Lakhta tra gli oltre 700 grattacieli completati nel 2019 con un’altezza minima di 100 metri, è rimasta colpita dalla forma particolare del grattacielo: la struttura esterna dell’edificio è costituita da cinque ali che ruotano di quasi 90 gradi. La torsione crea un’impressione dinamica, dando all’edificio la forma di una fiamma ardente, che ricorda il logo di Gazprom.

Inoltre il grattacielo è stato premiato per l’utilizzo di tecnologie ecocompatibili ed efficienti dal punto di vista energetico. L’edificio, considerando la zona in cui si trova (è il grattacielo più a nord del mondo), è esposto a temperature estreme. Una facciata a doppia pelle evita inutili dispersioni di calore e lo rende molto efficiente dal punto di vista energetico. Inoltre, grazie all’uso innovativo dei radiatori a infrarossi, il calore in eccesso non viene disperso, ma reimmesso nel sistema.

Un innovativo sistema di estinzione incendi utilizza acqua nebulizzata: il fuoco viene spento non dalla “pioggia”, ma da una fitta nebbia molto densa che assorbe fuliggine e monossido di carbonio. Fornisce anche l’irrigazione automatica a pioggia delle vetrate delle facciate e delle tende antincendio nelle aree interne.

Lo studio di architettura spiega che la soluzione dei problemi progettuali più complessi è stata possibile solo grazie all’utilizzo delle più recenti tecnologie BIM e alla progettazione parametrica.

Per creare le fondamenta del sito è stato battuto ogni record con un getto continuo di calcestruzzo di oltre 19.624 metri cubi e come base per la fondazione della torre sono stati utilizzati 264 pali di calcestruzzo con un diametro di due metri e una profondità di perforazione di 72 e 82 metri.

Fonte: infobuild.it
autore:redazione
data:17.11.2020

2016 © Protek® - Tutti i diritti riservati - webdesign ovosodo